Guida Croazia

Breve guida sulla Croazia

Clima: il clima della Croazia è mediterraneo sulla costa, con estati calde e inverni miti; continentale verso l’interno, un po’ più caldo durante l’estate, ed estremamente freddo in inverno. Luglio e agosto costituiscono il periodo di alta stagione sull’Adriatico, e questo è sicuramente il momento migliore per visitare il paese. L’autunno è un buon momento per visitare l’entroterra dell’Istria e i parchi nazionali.
Abbigliamento consigliato: vestiti leggeri e abbigliamento da spiaggia per l’estate, vestiti un po’ più caldi per le zone interne. Nel periodo estivo è consigliabile la protezione solare.




Documenti: si deve avere un documento di riconoscimento in corso di validità come la carta d’identità valida per l’espatrio o il passaporto la cui validità residua deve essere di almeno 90 giorni dalla prevista data di conclusione del soggiorno. Inoltre si deve registrare la propria presenza presso l’ufficio del turismo entro 24 ore dall’ingresso in Croazia. La registrazione di solito è svolta dagli alberghi, ma se si alloggia presso privati, sarà la persona che ospita a dover comunicare la presenza del turista alla polizia.
Dove soggiornare:
Hotel – si trovano dei buonissimi hotel di 4 e 5 stelle, disponibili lungo la costa e dell’entroterra.
Stanze private ed alloggi privati sono molto usati in Croazia e possono essere organizzati tramite le agenzie turistiche locali. In alta stagione molti richiedono un minimo di tre notti e esigono una sovrattassa (circa il 30%) per soggiorni più brevi.
Campeggi: sono numerosi in Croazia, tra cui un paio di campeggi per naturisti. Il campeggio libero è vietato nei parchi nazionali.
Quanto costa: Il budget richiesto per un viaggio o una vacanza in Croazia è piuttosto moderato, I prezzo sono molto economici anche se aumentano in luglio e agosto, sia nella capitale che nelle localita turistiche. Un pasto mediamente costa meno di 20€, una camera doppia meno di 70€. Soggiorno All inclusive 428 € a settimana.
Salute: non si riscontra né la presenza di focolai di malattie contagiose né particolari fenomeni di inquinamento. Anche se non vi sono malattie endemiche, nei boschi è opportuno proteggersi contro le punture di zecche. Portare con sé i fogli informativi dei farmaci che si usano perché i nomi dei prodotti possono variare da quelli italiani. L’acqua del rubinetto, seppur potabile, può risultare molto calcarea.
Vaccinazioni: non sono previste vaccinazioni obbligatorie
Sicurezza: buone condizioni generali di sicurezza, ma esistono aree del Paese non ancora del tutto bonificate da ordigni risalenti al conflitto inter – jugoslavo. Gran parte dei campi minati sono segnalati e recintati ma alcune zone, soprattutto in aree boschive e collinari, sono prive di segnalazione.
Moneta e pagamenti: La moneta locale è il Kuna, una kuna è divisa in cento lipe. 1 euro vale circa 7,5 kune. Le carte di credito sono ampiamente accettate e i bancomat sono molto diffusi.
Trasporti: per guidare è sufficiente la patente italiana. Per la conduzione di un veicolo non di proprietà è necessaria una delega sottoscritta dal proprietario dell’auto e la fotocopia di un suo documento di riconoscimento. La rete di autobus è efficiente e abbastanza economica. Il treno è più lento ma più confortevole. I traghetti collegano le isole dell’Adriatico con la terraferma e sono un modo piacevole per scoprire parte del paese.
Lingua: Croato in tutto il paese e l’italiano diffuso sulla costa dell’Istria e in Dalmazia. Nei centri turistici costieri si parla anche l’inglese.
Religione: cristiana cattolica, minoranze di cristiani ortodossi e musulmani
Telefono: Per chiamare l’Italia: 0039, per chiamare dall’Italia: 00385
Fuso orario: stessa ora italiana

Prima di intraprendere il viaggio, informarsi sul sito Viaggiare Sicuri

Se vi servono informazioni su cosa vedere in Croazia visita questa PAGINA



Breve guida sulla Croazia

Breve guida sulla Croazia

Commenti chiusi